Home        Download      Links       About site    

 

 

 

 

 

 

 

Danilo IZ8SZY e Giuseppe...

 

 

 

Giuseppe in fase si allineamento antenna

 

 

Wireless….dall’inglese “senza fili”. Due o più apparati che comunicano senza l’utilizzo di un cavo conduttore sono considerati Wireless.Anche il  telecomando con il quale cambiamo canale dal comodo divano e’ un dispositivo wireless….forse non di enorme interesse per noi Radioamatori-Sperimentatori-Smanettoni..ma sempre di wireless si tratta.

Il Radioamatore e quindi anche noi del Radio Club dello Stretto entriamo in questo “settore” non appena premiamo per la prima volta il PTT della nostra radio. Premiamo un tasto e riusciamo a parlare con un nostro amico-collega piu o meno distante dalla nostra postazione….senza alcun cavo...se non quello che ci collega all’antenna.Con il passare degli anni in questo ambito sono entrati pian pianino anche dispositivi molto più “complicati”. L’informatica si e’ sposata con il radiantismo e il termine wireless e’ ormai quasi sempre associato alle comunicazioni tra dispositivi informatici. Le comunicazioni che una volta erano associate solamente a cavi, switch, connettori e plug … ora sono accomunate a antenne, access point ed altri dispositivi di vario genere.

 

Nasce quindi il Wi-Fi (più o meno nel 1999) acronimo di Wireless Fidelity.

 

Si inizia a sfruttare la frequenza dei 2,4Ghz e 100mW di potenza massima. Nascono schede e device di qualsiasi genere per poter connettere la stragrande maggioranza di dispositivi e l’etere si riempie di dati. Si riempie così tanto da dover trovare altre frequenze su cui poter far transitare il nostri dati.

Si scende a 900Mhz e si sale a 5Ghz. Per le tratte a lunghissima distanza si sale ancora di frequenza fino ad arrivare a ben 24Ghz.Oggi basta guardare sui tetti delle nostre abitazioni (o nelle nostre tasche) per capire quanto il Wireless sia parte della nostra vita. Si va dall’antenna per ricevere programmi televisivi (in digitale) , alle antenne per la telefonia mobile … passando per qualche strana antenna per uso personale :)

 

Il Radio Club dello Stretto e’ da anni impegnato nella sperimentazione in questo ambito e ultimamente ha avviato un progetto riguardante l’implementazione di una rete Hiperlan (link alla pagina della rete hiperlan) a 5 Ghz nata proprio per mettere su il nostro “ponte virtuale” tra Calabria e Sicilia. Radioamatori e appassionati hanno deciso di dedicare tempo e esperienza per connettere le proprie postazioni non solo in fonia ma anche in digitale creando una grande rete indipendente dalla più blasonata Internet. Il tutto costituito da materiale nuovo, usato e fatto in casa ci permetterà di condividere dati, effettuare telefonate in VoIP, connettere le radio e sperimentare sensori per il rilevamento dati sul territorio.

  

 

Sperimentazione e divertimento puro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

E anche la Via Marina di Reggio Calabria è on line...